Stagionalità? Meglio con le Opzioni... [parte 1]

Dietro ad un’operazione con le Opzioni ci possono essere diverse motivazioni: un’analisi di tipo tecnico effettuata sul grafico del sottostante, l’analisi dei fondamentali del mercato in questione, il segnale Long o Short generato da un Trading System che sta girando sul sottostante, fino ad analisi tese a individuare l’esistenza di cicli da poter sfruttare. In questo articolo prendiamo in esame un particolare tipo di analisi ciclica: l’analisi delle Stagionalità, e le sue potenzialità per un trader in Opzioni.

La Stagionalità di un Mercato

Sono tanti i mercati che esibiscono delle tendenze stagionali (ovvero la tendenza a salire o a scendere in certi periodi dell’anno), e per le ragioni più svariate, ma è senza dubbio sulle Commodities dove possiamo isolare dei comportamenti ricorrenti, con una certa affidabilità: dalla ciclicità che caratterizza i raccolti delle commodities agricole, alle dinamiche di domanda ed offerta delle commodities energetiche.

Si consideri il Crude Oil, ad esempio, che (semplificando) viene raffinato per produrre Gasoline e Heating Oil tenendo conto della maggiore richiesta del primo derivato nei mesi estivi e del secondo nei mesi invernali. Queste dinamiche si riflettono nell’andamento dei prezzi, che a meno di fattori esogeni (un inverno particolarmente mite oppure rigido, ad esempio) esibiranno una tendenza a salire in certi mesi dell’anno e a scendere in altri. Sul Crude Oil, ad esempio, si registra una tendenza stagionale ribassista affidabile negli ultimi mesi dell’anno (dall’inizio di Ottobre alla fine di Dicembre) e rialzista dalla metà di Febbraio fino alla metà di Maggio. Cerchiamo di quantificare questo edge (=vantaggio) per capire se sia possibile sfruttarlo.

La Stagionalità sul Crude Oil Future

Lavorando sul contratto Future del Crude Oil (sulla scadenza fronte mese), se avessimo venduto il primo di Ottobre di ogni anno e ricoperto il 20 Dicembre, per poi comprare il 10 Febbraio e chiudere la posizione il 10 Maggio (rollando la posizione, ad ogni scadenza, su quella successiva), il risultato che avremmo ottenuto dal 1983 ad oggi (quasi 35 anni) sarebbe stato un profitto finale di oltre 200.000 usd ed un’equity line piuttosto regolare, se si considera che non stiamo considerando alcun setup di ingresso di tipo tecnico e nessun criterio di gestione della posizione, ad iniziare da un (sempre consigliabile) stop loss.

E’ possibile esaminare questo primo, incoraggiante, risultato in Figura 1 (equity line) e in Tabella 1 (le metriche del trading system costruito su queste semplici regole). L’affidabilità è elevata: la tendenza stagionale rialzista si è rivelata profittevole nel 73% delle annate, e quella ribassista nel 60%.

Ogni finestra stagionale andrebbe sempre validata con grande attenzione, perché il rischio è quello di ritrovarsi a “fare statistica” su 4 o 5 osservazioni (=anni). In questo caso ho analizzato 35 anni, senza quegli accorgimenti quali la suddivisione della serie storica fra In Sample e Out of Sample o l’analisi di stabilità dei parametri impiegati nella strategia, perché il focus di questo articolo è mostrare come poter operare sulle tendenze stagionali con strategie in opzioni e non come si fa a validare una tendenza stagionale.

Lavoro personalmente queste due finestre stagionali (e posso assicurarvi che sono state validate con estrema cura, insieme ad una cinquantina di altre stagionalità che spaziano sui mercati futures più svariati, e che mettiamo a disposizione nel corso Spread Trading Systems, dove insegniamo come individuare e validare in completa autonomia nuove finestre stagionali) e lo faccio impiegando un unico trading system che cerca una conferma di tipo tecnico all’ingresso in favore di stagionalità, mi indica il numero di contratti da utilizzare per tenere conto della volatilità del mercato in questo momento, per poi gestire in maniera meccanica la posizione. Per approfondire tutti questi aspetti, vi rimando in particolare prprio alla giornata Spread Trading Systems del prossimo 15 Settembre.

Stagionalità e Opzioni

Per un trader in Opzioni, operare su una finestra stagionale significa conoscere a priori:

1) quando entrare in posizione e la durata dell’operazione, quindi anche su quale SCADENZA lavorare

2) quanto (in media) è stato ampio il movimento registrato nelle annate precedenti, così da poter individuare con più precisione gli STRIKE su cui costruire la strategia

Si tratta di due informazioni molto preziose, e anche per questa ragione considero l’analisi delle tendenze stagionali un ottimo punto di partenza per pianificare un’operazione con le Opzioni.

Anche la Volatilità esibisce su questi mercati delle tendenze stagionali, ma per semplicità la lasceremo fuori dall’analisi che segue (anche se puoi leggere un articolo scritto di recente che analizza proprio la presenza di Bias e Stagionalità sulla Volatilità Implicita: puoi leggerlo qui)

Iniziamo ad esaminare più in dettaglio queste due tendenze stagionali negli ultimi 12 anni: ho scelto questa finestra temporale perché è dalla fine del 2005 che ho a disposizione le Opzioni Monthly sul Crude Oil. L’equity ottenuta sul Future è in Figura 2 e a seguire, in Tabella 2, anche le metriche registrate sullo stesso periodo da questo semplice trading system che opera sull’apertura e sulla chiusura di ciascuna di queste due finestre stagionali.

Già dall’equity in Figura 1, era evidente come questi ultimi 12 anni siano il periodo migliore di sempre per questa tendenza stagionale, registrando un profitto finale di oltre 146.000 usd e un max dradown di 28.220 usd, ovvero un rapporto fra queste due grandezze pari a 5,17 (si tratta di una indicazione piuttosto immediata, seppure approssimativa, della regolarità esibita dalla strategia: maggiore è questo valore e meglio è).

Questo è il risultato che andremo a confrontare con il risultato della strategia in Opzioni che sto per spiegarvi.

La Strategia con le Opzioni

La strategia con le Opzioni per operare in accordo a ciascuna di queste finestre stagionali è la seguente:

Stagionalità Rialzista (dal 10/02 avanti per 70 gg di calendario)

A) Compro Call Delta 0.5 (ATM) sulla prima scadenza disponibile che ha almeno 20 gg di vita residua
B) Vendo Call Delta 0.2 (OTM) sulla prima scadenza disponibile che ha almeno 20 gg di vita residua
C) Compro Call sullo stesso Strike (OTM) della Call venduta ma sulla scadenza che ha almeno 70 gg di vita residua

Stagionalità Ribassista (dal 01/10 avanti per 70 gg di calendario)

A) Compro Put Delta 0.5 (ATM) sulla prima scadenza disponibile che ha almeno 20 gg di vita residua
B) Vendo Put Delta 0.2 (OTM) sulla prima scadenza disponibile che ha almeno 20 gg di vita residua
C) Compro Put sullo stesso Strike (OTM) della Put venduta ma sulla scadenza che ha almeno 70 gg di vita residua

In Figura 3 ho riportato quattro stagionalità lavorate con questa strategia, scomposta nelle 3 gambe componenti con l’indicazione di strike e scadenze impiegati (rispetto al prezzo del Future sottostante di pari scadenza), e il risultato finale.

In Figura 4 invece è possibile esaminare il Profit/Loss graph della strategia nel momento dell’ingresso e alla prima scadenza.

L’idea alla base di questa strategia è quella di lavorare con un Vertical Spread (Debit) su una scadenza vicina (che dovrebbe cadere all’incirca a metà della finestra stagionale), così da recuperare una certa reattività e, forti dell’elevata affidabilità (73% quella rialzista e 60% quella ribassista, sui 35 anni esaminati), vederla rapidamente convergere sul max profit della struttura. In caso favorevole, ipotizziamo con la comprata ormai ITM e la venduta ATM, ci ritroveremmo anche con il passaggio del tempo a nostro vantaggio (con un Theta positivo), mentre in caso sfavorevole, avremo comunque attenuato la Theta negatività rispetto ad una più semplice strategia basata sull’acquisto di un’opzione “secca”.

Accanto al Vertical Spread che lavora sulla scadenza vicina, andiamo a comprare un’opzione Call (per operare a rialzo) o un’opzione Put (per operare a ribasso) posizionandoci sullo stesso Delta OTM che avevamo usato sulla gamba venduta del Vertical Spread, ma su una scadenza più lontana, oltre la fine della finestra stagionale (quindi la prima scadenza con almeno 70 gg di vita residua). Da Figura 3 si vede come l’opzione con scadenza più lontana, non viene mai portata a scadenza ma riacquistata dopo questi 70 gg in posizione; il Vertical Spread sulla scadenza più vicina, viene invece sempre portato a scadenza.

Si tratta, in entrambi i casi, di strategie a rischio predefinito, di tipo Debit, ma se l’idea alla base del Vertical Spread è quella di cercare una strategia abbastanza reattiva per monetizzare rapidamente un profitto lavorando sulla scadenza vicina, con l’opzione comprata OTM sulla scadenza più lontana stiamo cercando di cavalcare la tendenza stagionale fino in fondo, in maniera più aggressiva (per la maggiore leva impiegata).

Il backtest effettuato con la piattaforma OptionLAB mostrato in Figura 5, restituisce un risultato molto interessante in termini di regolarità.

In Tabella 3 osserviamo un profitto finale (sullo stesso periodo di 12 anni) di 105.520 usd ma un max drawdown contenuto in appena 11.960 usd, che restituiscono un rapporto fra Net Profit / Max DrawDown pari a 8.8 (contro i 5.17 di prima). Figura 6 mostra infine un’analisi dei risultati registrati su base mensile, all’interno di ciascuna finestra stagionale nel corso di questi 12 anni presi in esame (il 53% dei mesi in cui la strategia è in posizione registrano un risultato positivo).

Conclusioni: Future o Opzioni?

Entrambi i backtest (effettuati con la piattaforma TradeStation e con la piattaforma OptionLAB) conducono a risultati positivi anche se ritengo la strategia con le opzioni la soluzione preferibile, per quello che viene chiamato “staying power”, ovvero la capacità di poter restare in posizione anche in presenza di brusche oscillazioni sul sottostante che necessariamente avrebbero fatto scattare lo stop loss operando direttamente sul contratto Future.

Nell’analisi della tendenza stagionale sul Future non ho impiegato alcuna logica di gestione della posizione (quindi nessuno stop loss) o di money management (ho ipotizzato di entrare e uscire con 1 contratto Future), dato che la finalità era unicamente quella di misurare l’affidabilità della finestra stagionale e non arrivare ad un trading system da poter impiegare per operare direttamente sul Future. La strategia in Opzioni, invece, già nella sua struttura contempla un’uscita frazionale (con il vertical spread sulla prima scadenza e con l’opzione comprata sulla successiva) e un rischio predefinito dato che in entrambi i casi si tratta di strategie debit, con il “lusso” di non dover introdurre stop loss per uscire preventivamente dalla posizione in caso di flash crash o movimenti violenti quali quelli che si verificano talvolta in concomitanza con il rilascio del dato settimanale sulle scorte o di meeting dell’OPEC.

Per ottenere qualcosa di simile, in termini di controllo del rischio, anche sul Future, avremmo dovuto introdurre uno stop loss, con il rischio di essere buttati fuori, in queste situazioni, da quella che poi si sarebbe rivelata essere una buona finestra stagionale, se considerata sui suoi 3 mesi di durata. Avremmo dovuto, inoltre, impiegare più contratto Future, così da poter liquidare in maniera frazionale la posizione, ma aumentando così in maniera significativa l’esposizione (o utilizzare il contratto Mini Crude Oil Future). La nostra preferenza, in generale, resta sempre quella di combinare insieme Opzioni e Futures, ma tagionando specificamente sull'operatività costruita sulle tendenze Stagionali del corso Spread Trading Systems (e non solo su singole commodities ma anche lavorando in Spread) l'impiego delle Opzioni ha degli innegabili vantaggi.

Torniamo a parlarne proprio il 15 Settembre, in occasione di una nuova edizione di questo corso che vedrà l'introduzione di alcune novità, in coda al lancio della piattaforma StrategyLAB (il cui modulo Data Analyzer, può essere di grande aiuto per l'individuazione e l'analisi di Bias e Seasonals).

Se desiderate partecipare, allora cercate di approfittare della promozione in corso e riservata a chi, proprio nei mesi estivi, sceglie di dedicarsi alle proprie passioni (il trading): qui tutti i dettagli.

Le riduzione sono importanti (arrivano al 33%) ma sono limitate alle iscrizioni formalizzate nelle prossime 2 settimane (entro il 29 Agosto), con accesso immediato a:

  • Registrazione integrale dell'ultima edizione del Corso
  • Materiale Didattico (slide, excel, dispense...)
  • Trading System del Corso (a codice aperto Easy Language)
  • Webinar "Dopo Corso"
  • Partecipazione Live al corso (in sala o collegato a distanza)
  • Rifrequenza al Corso sempre gratuita. 

 

Qui tutti i dettagli della promozione sui corsi QTLab.

Buon Trading!

 

 

 

 

 

 

 

...NON è in Calendario? 

Ti apriamo SUBITO la REGISTRAZIONE dell'ultima edizione (e ti inviamo le Strategie) in attesa della prossima data, che potrai seguire in sala, oppure collegato a distanza in streaming (la Rifrequenza è SEMPRE Gratis)

 ECCO COME FACCIAMO FORMAZIONE IN QTLAB

 

...in libreria!

VideoCorsi

Video Pillole di Analisi del Mercato o di una specifica Operatività, ma anche Video Didattici sull'utilizzo delle Piattaforme di Trading...
VideoCorsi

Articoli

Il commento ad una Operazione, l'Analisi di una Strategia, o semplicemente la descrizione di una Tecnica... questo ed altro nella sezione Articoli.
Leggi gli Articoli

 

Downloads

Materiali Didattici, le Slide proiettate ai Seminari, codici di Trading Systems, Reports e Software: a tua disposizione!
Downloads



Login

Le migliori Piattaforme

Diventa Trader!

Il Trading è una professione come tante: si può imparare, richiede impegno, ma prima di ogni cosa, un Metodo, che può essere appreso attraverso la frequenza ad un corso...
Percorso in aula

 

... osservando un Trader e affiancandolo nella sua operatività (Coaching Individuale)... 
Coaching 101

 

... o seguendo l'operatività di Trader più esperti attraverso dei Segnali Operativi inviati real time... 
Segnali Operativi

QT Lab Community

Il Trading può essere un gioco di squadra: lo diciamo per esperienza... perchè da anni i nostri Trader interagiscono in questa Community, analizzano insieme operazioni, e condividono idee e metodologie. Vuoi farne parte? Basta registrarsi...
Entra in Community

 

Questo sito utilizza i Cookies per migliorare la navigazione. Utilizzando questo sito e continuando nella navigazione si intende accettata la Privacy Policy e la Cookie Policy 

Puoi bloccare in ogni momento questa raccolta di informazioni seguendo le istruzioni per configurare il tuo browser, contenute nella suddetta pagina. 

Procedere nella navigazione di questo sito web, implica l'accettazione delle condizioni generali di utilizzo e i termini di vendita dei servizi che puoi approfondire in questa pagina.

Quantitative Trading LAB di Luca Giusti - e-mail: [email protected] Tutti i diritti sono riservati. tel: 0041 44 586 68 57

Questo sito Web non è rivolto a persone giuridiche o fisiche appartenenti a giurisdizioni in cui, in virtù della nazionalità, della tipologia di persona, del proprio domicilio o residenza, della sede sociale o per qualsiasi altro motivo, l’accesso allo stesso, la relativa consultazione, la disponibilità, la pubblicazione, come pure la presentazione di servizi finanziari o la commercializzazione di determinati prodotti finanziari dovesse essere vietata o soggetta a restrizioni. Alle persone cui si applicano tali restrizioni è conseguentemente vietato accedere a questo sito internet. Le informazioni e le opinioni contenute nelle pagine del sito internet e nel materiale in esso contenuto non costituiscono in nessun caso un invito, un’offerta, una raccomandazione o una sollecitazione di acquisto o di vendita, una richiesta o una sottoscrizione di titoli o strumenti finanziari, prodotti o servizi finanziari o d’investimento, né un’esortazione ad effettuare transazioni di alcun genere. Il contenuto del sito internet è stato allestito con la maggiore cura e diligenza possibile. Tuttavia non si fornisce alcuna garanzia circa la correttezza, l’esattezza, la completezza, l’affidabilità o l’attualità dei contenuti proposti. I dati storici relativi ai rendimenti e agli scenari sui mercati finanziari, le prestazioni passate, effettive o indicate da test storici o strategie, non sono garanzia di analoghi risultati futuri. Facendo trading si possono sostenere perdite superiori al proprio investimento iniziale: non si dovrebbe investire o rischiare denari che non si si può permettere di perdere.Per ulteriori dettagli, si prega di leggere le "Condizioni di Utilizzo" nel menù verticale in alto a sinistra. In nessuna circostanza – ivi compresa la negligenza – la nostra società può essere considerata responsabile per perdite e/o danni di qualsiasi natura – sia che si tratti di danni diretti, indiretti oppure consequenziali – derivanti dall’accesso agli elementi di questo sito internet o dal loro utilizzo (o dall’impossibilità di accedere al sito internet stesso e di utilizzarne gli elementi) o da link che portano a siti internet di terzi. Noi non monitoriamo le pagine collegate al sito internet mediante link e decliniamo pertanto qualsiasi responsabilità per i relativi contenuti e per le eventuali prestazioni ivi offerte. La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
 
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

The material on this website is for information purposes only. Any reference on this Web site to QTLab, the authors, and its affiliated companies should not be construed as an offer or solicitation, directed to residents in jurisdictions where QTLab, by and through any of its affiliates, is not registered to do business. No investment advice or solicitation to buy or sell securities is given or in any manner endorsed by QTLab or any of its affiliates. Charts created using TradeStation. ©TradeStation Technologies, Inc. All rights reserved. No investment or trading advice, recommendation or opinions is being given or intended. Past performance, whether actual or indicated by historical tests of strategies, is no guarantee of future performance or success. There is a possibility that you may sustain a loss greater than your entire investment; therefore, you should not invest or risk money that you cannot afford to lose. For further details please read the "Condizioni di Utilizzo" to see the full set of terms and conditions.

 

www.ForexAcademy.it      -        www.OptionsAcademy.it       -        www.FuturesAcademy.it       -        www.TradingSystemAcademy.it