Un Impiego Efficiente del Capitale (2° parte)

E' passato un anno, ormai, da quando abbiamo pubblicato un articolo dedicato proprio a come poter impiegare meglio il capitale a disposizione per seguire un portafoglio azionario: potete rileggerlo a questo link, e l'analisi riguardava l'inserimento di un limite massimo al numero di posizioni aperte per un solo trading system che giira su un paniere di un centinaio di azioni. 

In questo articolo, a firma di Giovanni Trombetta, arriviamo a una conclusione simile (ovvero che l'utilizzo di un vincolo al numero massimo di posizioni aperte non altera la forma dell'equity di portafoglio  in presenza di trading system con certe caratteristiche) ma partendo da condizioni differenti: qua non si tratta più di un unico trading system che gira su un paniere di azioni, ma di un portafoglio di 59 pattern (quindi 59 trading system) specifici per ogni sottostante (quindi 59 azioni del mercatro americano) che compone il portafoglio azionario del progetto Gandalf. (buona lettura!)

Chiunque abbia a che fare con la gestione di un portafoglio di sistemi di trading ha la necessita’ di definire il sizing di tale portafoglio. Uno dei dubbi piu’ ricorrenti e’ quello di comprendere se utilizzando solo una quota parte di tali sistemi le performance possano peggiorare. In altri termini ci si chiede se esista una relazione tra le metriche dei sistemi che compongono il portafoglio e la percentuale di tale portafoglio che viene effettivamente utilizzato.

Prendiamo ad esempio il portafoglio Gandalf composto da oltre 50 pattern genetici sul mercato azionario americano. Le operazioni possono essere replicate direttamente in azioni, in CFD o in opzioni. Il primo passo e’ conoscere quanto capitale sia necessario per replicare tale portafoglio. Per rispondere a tale quesito prendiamo lo storico di ciascun sistema e calcoliamo giorno per giorno il numero di operazioni aperte simultaneamente.

 

Fig.1: Portafoglio Gandalf, numero simultaneo di posizioni aperte giornaliere

Su una media di 16 operazioni aperte al giorno, notiamo un picco di 33 operazioni. In generale, a parte un’unica eccezione, con una “potenza di fuoco” di 30 operazioni riusciremmo a replicare fedelmente l’intero portafoglio di 50 pattern. Ora se tutte le posizioni fossero pesate ugualmente potremmo moltiplicare il capitale per singolo trade per 30 ed ottenere il minimo capitale disponibile per operare con il Gandalf, ma la nostra scelta di pesare ogni trade con il rischio atteso (misurato dalla volatilita’) rende piu’ complicato il nostro calcolo. Per semplificare andiamo a calcolare l’esposizione media per trade che risulta essere di 2000 $. Moltiplicando per 30 posizioni tale somma otteniamo 60000 $. Dato che possiamo usufruire di una leva 2 con l’azionario, la somma disponibile minima per la replica del portafoglio in azioni diventa 30000 $. Utilizzando i CFD, utilizzando quindi una leva 10, tale somma diventa di 6000 $.

Questo tipo di calcolo tiene conto di una sorta di “overbooking” del capitale investibile. Se infatti non avessimo considerato il numero di operazioni effettivamente in essere giornalmente, come una frazione di quelle potenzialmente a mercato, avremmo dovuto moltiplicare la somma singola di 2000 $ per 50 e non per 30, ottenendo 100000 $ (50000 con azioni e 10000 con CFD).

A questo punto sorge spontaneo un secondo quesito: cosa accadrebbe se invece di fare questo ragionamento decidessimo di utilizzare un capitale pari a meta’ di quello necessario per replicare l’intero portafoglio? Sarebbe come dire: le performance di un portafoglio globale di 50 pattern avrebbe prestazioni assimilabili ad un secondo portafoglio con una potenza di fuoco pari alla meta’ (25 pattern)?

Per rispondere a questo interrogativo e’ necessario fare alcune premesse. Intanto ipotizziamo di utilizzare le azioni, quindi leva 2. Stiamo immaginando di cominciare a replicare il nostro portafoglio con meta’ del capitale necessario, che nella nostra prima ipotesi (quella che tiene conto di 30 operazioni massime simultanee) era pari a 30000 $. Dovremmo dunque utilizzare soltanto 15000 $. Facciamo quindi simulare alla macchina di utilizzare un numero massimo di sistemi pari alla meta’ dei 30 che ci consentivano di essere fedeli al 100% al portafoglio originario, quindi 15. Quello che otteniamo e’ l’impegno di capitale ricalcolato in Fig.2.

Fig.2: Portafoglio Gandalf, numero simultaneo di posizioni aperte giornaliere limitate a 15.

Di fatto iniziamo a prendere tutti i segnali utili che arrivano dal portafoglio globale e smettiamo di inserire ordini in macchina non appena arriviamo a 15 posizioni aperte contemporaneamente.

Ma che impatto avra’ questa metodologia sulle performance del portafoglio parziale? Esiste una criticita’ legata al fatto che prendiamo solo quota parte delle operazioni disponibili? Diamo un’occhiata alla Fig.3.

Fig.3: Portafoglio Gandalf, performance aggregate portafoglio completo (in rosso) e portafoglio parziale (in verde).

In rosso vediamo l’equity line relativa al sistema originario, che chiameremo Gandalf30, mentre in verde osserviamo l’andamento dell’equity line del sistema che gestisce meta’ delle posizioni e che chiameremo Gandalf15. I risultati sembrano incoraggianti: il profitto netto e’ esattamente la meta’ di quello originario (64000 $ contro  125000 $) come ci saremmo aspettati in media da una simulazione montecarlo. L’andamento e’ assimilabile, a testimoniare che anche una ricombinazione casuale delle operazioni del portafoglio originario, simulando di perdersi meta’ delle operazioni, non crea differenze evidenti nel profitto atteso.

Proviamo adesso a portare a 20 i pattern massimi detenibili nello stesso giorno borsistico (Gandalf20):

Fig.4: Portafoglio Gandalf, performance aggregate portafoglio completo (in rosso) e portafoglio parziale (in verde).

Ancora una volta otteniamo un profitto netto e una andamento soddisfacente.

La morale della storia e’ che, nel caso del portafoglio Gandalf, non e’ importante se perdiamo qualche operazione o se decidiamo deliberatamente di tradare soltanto meta’ o due terzi dei segnali disponibili. Le performance verranno si scontate della frazione di segnali che stiamo perdendo, ma avra’ verosimilmente metriche simili a quelle del portafoglio completo.

Ma come mai avviene questo fenomeno di conservazione delle performance? E’ un concetto estendibile a qualunque portafoglio o e’ una proprieta’ legata alla composizione dello stesso?

La risposta si trova osservando due numeri fondamentali anche per la valutazione di un singolo sistema di trading: la percentuale di trade vincenti ed il rapporto rendimento su rischio. I pattern genetici del Gandalf sono infatti sistemi con una percentuale media di trade vincenti di oltre il 60% con un rapporto medio rendimento su rischio di 1.2. Questo significa che prendendo a caso operazioni di uno di questi sistemi, supponiamo perdendone una su due, avremo sempre un 60% di probabilita’ di replicare operazioni vincenti. Per estensione tale concetto puo’ essere applicato all’intero portafoglio. Nel caso di sistemi trend follower, che tipicamente presentano una percentuale di trade vincenti al di sotto del 50%, le cose potrebbero andare diversamente.

Un altro vantaggio legato ai criteri di progetto con cui vengono prodotti i sistemi genetici del Gandalf.

Buon trading!

Giovanni Trombetta

 

Il Corso NON è in Calendario? 

Ti apriamo SUBITO la REGISTRAZIONE dell'ultima edizione (e ti inviamo le Strategie) in attesa della prossima data, che potrai seguire in sala, oppure collegato a distanza in streaming (la Rifrequenza è SEMPRE Gratis)

 ECCO COME FACCIAMO FORMAZIONE IN QTLAB

 

Backtest Strategie in Opzioni

 

...in libreria!

VideoCorsi

Video Pillole di Analisi del Mercato o di una specifica Operatività, ma anche Video Didattici sull'utilizzo delle Piattaforme di Trading...
VideoCorsi

Articoli

Il commento ad una Operazione, l'Analisi di una Strategia, o semplicemente la descrizione di una Tecnica... questo ed altro nella sezione Articoli.
Leggi gli Articoli

 

Downloads

Materiali Didattici, le Slide proiettate ai Seminari, codici di Trading Systems, Reports e Software: a tua disposizione!
Downloads



Login

Diventa Trader!

Il Trading è una professione come tante: si può imparare, richiede impegno, ma prima di ogni cosa, un Metodo, che può essere appreso attraverso la frequenza ad un corso...
Percorso in aula

 

... osservando un Trader e affiancandolo nella sua operatività (Coaching Individuale)... 
Coaching 101

 

... o seguendo l'operatività di Trader più esperti attraverso dei Segnali Operativi inviati real time... 
Segnali Operativi

WebinarJam Get your FREE trial now

QT Lab Community

Il Trading può essere un gioco di squadra: lo diciamo per esperienza... perchè da anni i nostri Trader interagiscono in questa Community, analizzano insieme operazioni, e condividono idee e metodologie. Vuoi farne parte? Basta registrarsi...
Entra in Community

 

Questo sito utilizza i Cookies per migliorare la navigazione. Utilizzando questo sito e continuando nella navigazione si intende accettata la Privacy & Cookie Policy. Puoi bloccare in ogni momento questa raccolta di informazioni seguendo le istruzioni per configurare il tuo browser, contenute nella suddetta pagina. 

Quantitative Trading LAB di Luca Giusti - e-mail: [email protected] Tutti i diritti sono riservati. tel: 0041 44 586 68 57

Questo sito Web non è rivolto a persone giuridiche o fisiche appartenenti a giurisdizioni in cui, in virtù della nazionalità, della tipologia di persona, del proprio domicilio o residenza, della sede sociale o per qualsiasi altro motivo, l’accesso allo stesso, la relativa consultazione, la disponibilità, la pubblicazione, come pure la presentazione di servizi finanziari o la commercializzazione di determinati prodotti finanziari dovesse essere vietata o soggetta a restrizioni. Alle persone cui si applicano tali restrizioni è conseguentemente vietato accedere a questo sito internet. Le informazioni e le opinioni contenute nelle pagine del sito internet e nel materiale in esso contenuto non costituiscono in nessun caso un invito, un’offerta, una raccomandazione o una sollecitazione di acquisto o di vendita, una richiesta o una sottoscrizione di titoli o strumenti finanziari, prodotti o servizi finanziari o d’investimento, né un’esortazione ad effettuare transazioni di alcun genere. Il contenuto del sito internet è stato allestito con la maggiore cura e diligenza possibile. Tuttavia non si fornisce alcuna garanzia circa la correttezza, l’esattezza, la completezza, l’affidabilità o l’attualità dei contenuti proposti. I dati storici relativi ai rendimenti e agli scenari sui mercati finanziari, le prestazioni passate, effettive o indicate da test storici o strategie, non sono garanzia di analoghi risultati futuri. Facendo trading si possono sostenere perdite superiori al proprio investimento iniziale: non si dovrebbe investire o rischiare denari che non si si può permettere di perdere.Per ulteriori dettagli, si prega di leggere le "Condizioni di Utilizzo" nel menù verticale in alto a sinistra. In nessuna circostanza – ivi compresa la negligenza – la nostra società può essere considerata responsabile per perdite e/o danni di qualsiasi natura – sia che si tratti di danni diretti, indiretti oppure consequenziali – derivanti dall’accesso agli elementi di questo sito internet o dal loro utilizzo (o dall’impossibilità di accedere al sito internet stesso e di utilizzarne gli elementi) o da link che portano a siti internet di terzi. Noi non monitoriamo le pagine collegate al sito internet mediante link e decliniamo pertanto qualsiasi responsabilità per i relativi contenuti e per le eventuali prestazioni ivi offerte. La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
 
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

The material on this website is for information purposes only. Any reference on this Web site to QTLab, the authors, and its affiliated companies should not be construed as an offer or solicitation, directed to residents in jurisdictions where QTLab, by and through any of its affiliates, is not registered to do business. No investment advice or solicitation to buy or sell securities is given or in any manner endorsed by QTLab or any of its affiliates. Charts created using TradeStation. ©TradeStation Technologies, Inc. All rights reserved. No investment or trading advice, recommendation or opinions is being given or intended. Past performance, whether actual or indicated by historical tests of strategies, is no guarantee of future performance or success. There is a possibility that you may sustain a loss greater than your entire investment; therefore, you should not invest or risk money that you cannot afford to lose. For further details please read the "Condizioni di Utilizzo" to see the full set of terms and conditions.

 

www.ForexAcademy.it      -        www.OptionsAcademy.it       -        www.FuturesAcademy.it       -        www.TradingSystemAcademy.it